Un viaggio nel tempo nella Ville Lumière

14/11/2012

E’ la città più visitata al mondo. E anche quella su cui si fantastica di più. Con circa 1800 edifici registrati nell’inventario dei monumenti storici, Parigi si contraddistingue per la sovrapposizione di epoche diverse. Una città, spesso minacciata di distruzione e salvata in extremis, che possiamo visitare e “rivivere” grazie a un’incredibile tecnologia. Un tuffo in 3D nella Lutetia gallica, nella Lutetia gallo-romana, nella Parigi del Medioevo di Filippo Augusto e in quella di Notre Dame e della Tour Eiffel, passando per la Parigi di Carlo V: è questo il viaggio proposto da Dassault Systèmes con le sue tecnologie di simulazione e realtà virtuale.

Il cuore del progetto è la tecnologia d’avanguardia di Dassault Systèmes, sinonimo di realtà aumentata e simulazione virtuale in 3D. Utilizzata anche per ricostruire l’Altopiano di Giza e le sue piramidi, questa tecnologia oggi rende omaggio alla Città di Parigi. La casa di produzione Gédéon Programmes e il canale televisivo Planète + lavoravano allo sviluppo di un film-documentario sulla storia e sulle trasformazioni della capitale. Esperti, storici, architetti e i team di Dassault Systèmes hanno collaborato per due anni per ricreare la Parigi virtuale. Una Parigi che ci fa entrare nelle arene di Lutetia, seguire l’edificazione di Notre-Dame, passeggiare nei corridoi della Bastiglia. “Ci siamo focalizzati su una decina di luoghi e monumenti attraverso la storia,” raccontano gli esperti di Dassault Systèmes. ”Spesso l’immersione 3D diventa uno strumento di lavoro e di scambio di idee con gli storici, permette di scoprire imprecisioni e lavorare su nuove ipotesi. Questa è la forza di questo mondo tridimensionale, è vivo, si evolve e conferisce un maggior rigore storico”. Dal progetto sono nati anche un’applicazione gratuita e un sito internet dedicato (www.3ds.com/paris3D) grazie ai quali tutto portranno viaggiare nel tempo per ripecorrere la storia e l’edificazione di Parigi.