Settori espositivi di BAU 2019

17/07/2018

Architettura, materiali, sistemi.

BAU 2019 sarà più grande che mai. Su una superficie di 200.000 m², il salone presenta architettura, materiali e sistemi per l’edilizia industriale, commerciale e residenziale, e per l’arredo di interni, sia per le nuove costruzioni sia per l’edilizia di ristrutturazione. Per presentare le principali novità che verranno proposte nei vari settori espositivi, abbiamo realizzato una panoramica in diverse puntate. In questa seconda parte parliamo di illuminazione/edifici intelligenti, serrature/ferramenta/sicurezza/porte/finestre, edilizia in legno e pietre naturali/artificiali.

Illuminazione / Edifici intelligenti
Il nuovo comparto espositivo dedicato a illuminazione ed edifici intelligenti è nel padiglione C2. Accanto ai sistemi di illuminazione artificiale, i visitatori troveranno un’ampia gamma di soluzioni per la conduzione della luce naturale, sistemi di schermatura solare e lucernari curvi continui e a cupola.
Negli edifici intelligenti i singoli dispositivi sono collegati fra loro attraverso la “Smart Grid” e la tecnologia Internet of Things. Oltre a distribuire l’energia in base al fabbisogno effettivo, quindi con maggiore efficienza, questa soluzione con-sente anche una comunicazione fluida fra tutti i dispositivi.
Un esempio è la clinica di Schwarzwald-Baar, uno dei più grandi ospedali non universitari della regione del Baden-Württemberg: in questa struttura tutto è inte-grato in rete, dalle comunicazioni alla telefonia, fino ai televisori dei pazienti.
Anche l’illuminazione diventa sempre più parte integrante della Smart Grid. Con lo smartphone si possono azionare le tapparelle oppure controllare le sorgenti luminose artificiali, anche componendo e memorizzando diversi schemi di illumi-nazione preimpostati.
Nell’ambito dell’illuminazione artificiale la tecnologia LED è ormai diventata uno standard nella progettazizone illuminotecnica. L’utilizzo di sorgenti luminose arti-ficiali assicura attualmente un maggiore risparmio energetico, ingombri più com-patti e manutenzione ridotta. In fase di progettazione ci si può così concentrare sull’aspetto estetico.

Serrature / Ferramenta / Sicurezza / Porte / Finestre
La digitalizzazione interessa in misura crescente sia il mondo del lavoro sia la sfera privata. Componenti intelligenti come i portoni di garage, portoncini di basa, finestre, tapparelle e sistemi di protezione solare automatizzati offrono un valore aggiunto in termini di efficienza energetica, comfort e sicurezza. Cresce la domanda di soluzioni di chiusura centralizzata, allarmi antifurto, segnalazione dello stato di apertura/chiusura delle finestre. Le tecnologie di comando, azionamento e sensori necessarie per queste applicazioni diventano sempre più semplici ed economiche, con possibilità di sistemi in radiofrequenza per attrezzature anche immobili esistenti.
In questo contesto l’istituto ift Rosenheim propone la mostra speciale “Smart WinDoor TripleS – Bauelemente Smart Safe Secure”. Partendo da un ambiente abitativo e lavorativo viene illustrato l’utilizzo di componenti, azionamenti, sensori e sistemi di sicurezza intelligenti. Per i componenti con azionamenti elettrici è necessario tenere conto dei requisiti di sicurezza della Direttiva Macchine in fase di progettazione, capitolato ed esecuzione.
Si parlerà anche di sistemi antieffrazione, incendi e fumo, comportamento in caso di blackout, applicazioni difettose o sicurezza delle vie di fuga, illustrando i principi normativi e legislativi, le nuove direttive e le procedure di ispezione.
Accanto alle soluzioni attuali per gli impianti di allarme e i sistemi di controllo degli accessi (in particolare quelli elettronici), i visitatori di BAU troveranno molte informazioni su azionamenti per porte, ferramenta, serrature, cilindri e accessori.

Edilizia in legno
Anche nel mondo del legno la digitalizzazione, tema chiave del prossimo salone BAU; ha un ruolo centrale. Gli strumenti digitali agevolano la progettazione e la costruzione di forme libere che vanno oltre il semplice angolo retto, favorendo la realizzazione di strutture portanti di nuova concezione.
Con la complessità delle costruzioni aumenta anche il desiderio di semplificazione: in futuro si farà quindi sempre maggiore ricorso a prefabbricati e costruzioni modulari. Un ruolo chiave verrà svolto dagli strumenti digitali che trasformano i dati di progettazione in componenti su misura stampati in 3D.
I processi digitali sono essenziali anche per la visualizzazione di costruzioni o strutture dettagliate di pareti, solette e tetti. Il produttore di materiali a base legno EGGER, ad esempio, punterà i riflettori sui servizi digitali intelligenti: soluzioni digitali per tutte le gamme di prodotti prenderanno letteralmente vita sugli schermi allestiti dall’azienda in fiera.

I visitatori di ABU troveranno informazioni su soluzioni per scale, facciate, arredi d’interni e costruzioni in legno. Inoltre il salone proporrà come sempre un’ampia gamma di materiali a base legno e impiallacciature con decori e finiture di superficie affascinanti.

Pietre naturali e artificiali
In quest’area espositiva i visitatori troveranno numerose applicazioni nell’ambito delle facciate e delle pavimentazioni.
La pietra naturale in particolare è un classico dei materiali da costruzione, apprezzato a vari livelli. Il materiale da costruzione più antico del mondo convince non solo per la sua durevolezza, economicità e assenza di sostanze nocive, ma anche per l’estetica. Ogni pietra è unica e soddisfa quindi ogni esigenza di espressione e impatto visivo. La varietà di colori, formati e finiture di superficie conferisce alla pietra naturale un’estetica e un valore particolari per applicazioni in interni ed esterni. I centri di lavoro di nuova generazione consentono di lavorare grandi blocchi massicci a costi accessibili, realizzando elementi di grande impatto visivo.
Per arredi esterni e facciate, le pietre naturali di origine locale sono un elemento distintivo e identificativo in ogni città. Utilizzando materiali del territorio si presta la giusta attenzione al tema della sostenibilità, ma non solo: la pietra rappresenta il valore storico e l’identità di un luogo.