Novità attese in tutti i settori a bauma 2016

15/03/2016

Sullo skyline di bauma si stagliano gru alte come grattacieli e macchine gigantesche. Ma all’ombra di colossi del sollevamento e “talpe” da diverse tonnellate, la rassegna internazionale presenta una ricca gamma di prodotti e soluzioni molto più piccoli ma altrettanto innovativi.

Sullo skyline di bauma si stagliano gru alte come grattacieli e macchine gigantesche. Ma all’ombra di colossi del sollevamento e “talpe” da diverse tonnellate, la rassegna internazionale presenta una ricca gamma di prodotti e soluzioni molto più piccoli ma altrettanto innovativi. Vi proponiamo una panoramica di alcune novità annunciate nei comparti delle macchine per materiali da costruzione, dei veicoli, delle attrezzature e dei componenti per edilizia, che troverete nel Centro Fieristico di Monaco di Baviera dall’11 al 17 aprile 2016.

Molti professionisti dell’edilizia hanno la necessità di restare costantemente aggiornati sull’evoluzione dei loro strumenti di lavoro. Chi sta operando con quali attrezzature in quale cantiere? Quali attrezzature sono soggette a manutenzione o controlli di sicurezza? Quali materiali di consumo devono essere ordinati? Per rispondere in modo semplice e rapido a queste e altre domande, il produttore di utensili Hilti presenta a bauma la soluzione informatica ON!Track. Tramite lettori di codici a barre e RFID è possibile riconoscere e identificare univocamente le attrezzature di lavoro di diverse case. Secondo l’azienda il software in cloud offre la massima sicurezza nella raccolta di dati centralizzata e sincronizzata. Le informazioni possono essere consultate in qualsiasi momento tramite PC o smartphone. Hilti ON!Track è stato testato con alcuni clienti selezionati dall’inizio del 2015 e da gennaio è disponibile in tutta la Germania.

Anche il costruttore di veicoli e macchine MAN punta sulla digitalizzazione. A bauma presenta per la prima volta la nuova app DriverConnect per ottimizzare la comunicazione fra conducente e committente, che possono comunicare fra loro in modo semplice e veloce con messaggi di testo. Premendo un tasto il guidatore può inviare messaggi predefiniti e ricevere disposizioni su una destinazione, pause di lavoro, stato o guasti in corso. In caso di guasti l’app comunica tutte le informazioni utili per favorire un intervento rapido da parte del team di assistenza sul veicolo in avaria. Il conducente riceve inoltre informazioni su incarichi e indirizzi che può trasferire direttamente al sistema di navigazione MAN a bordo veicolo, evitando errori di comunicazione o trascrittura. Il gestore del parco mezzi e il committente hanno dal canto loro una visione completa dello stato dei viaggi e delle consegne.

Dopo questa incursione nel mondo digitale torniamo all’analogico con il nuovo rimorchio a pianale ribassato AT-P 400 di Zandt Cargo. L’azienda ha sviluppato una soluzione concettualmente semplice ma molto flessibile per il trasporto di macchine edili anche molto alte. Il rimorchio è dotato di coperture scorrevoli che, una volta asportate, danno accesso a un pianale adatto ai più diversi tipi di carico. Gli elementi di copertura vengono riposti nel telaio del rimorchio grazie a un apposito sistema telescopico. Si ricavano così inserti concavi nei quali, grazie all’angolo piatto di entrata e uscita, è possibile posizionare le macchine più comuni, da pale ed escavatori gommati a grandi trattori.

Con EcoRunner, Woma GmbH presenta agli operatori specializzati in visita a Monaco di Baviera un nuovo sistema completo per il trasporto e l’esercizio di moduli ad alta e altissima pressione. La particolarità è che l’impianto ad alta pressione fino a 3.000 bar è installato su un furgone Mercedes Sprinter da 3,5 tonnellate e può quindi essere trasportato da un conducente con patente B. Versatilità e leggerezza consentono l’utilizzo dell’alta pressione in luoghi solitamente di difficile accesso, ad esempio sotto i ponti o in canali asciutti. La pompa viene azionata direttamente dal motore del veicolo attraverso un organo di distribuzione di potenza. Secondo quanto specificato dalla stessa Woma, l’eliminazione di un motore dedicato per la pompa riduce ingombri, peso e costi. In caso di necessità la pompa può essere sostituita in tempi rapidi, scegliendo fra tre diversi moduli che coprono livelli di pressione da 170 a 3.000 bar e portate da 16 a 235 litri al minuto.

Putzmeister espone a bauma la nuova generazione di pompe per betoniere. Fra gli sviluppi più interessanti per i modelli Pumi 25-4 e 28-4 New Generation spiccano gli stabilizzatori a regolazione continua, che consentono di posizionare la macchina in maniera sicura su una superficie relativamente ridotta. Il sistema di sicurezza Ergonic Setup Control controlla i sostegni e riduce gli errori.

Per facilitare la movimentazione di grandi tubazioni con un diametro da DN 1200 a DN 2200, Thyssenkrupp Infrastructure offre un nuovo dispositivo di posa. L’attrezzatura per escavatore rileva mediante un sensore integrato il baricentro del tubo, agevolandone la posa nella trincea. Inoltre, un dispositivo di rotazione favorisce il preciso orientamento delle tubazioni. Infine, un meccanismo di trazione integrato agevola le operazioni di giunzione dei vari segmenti di conduttura. Per questa operazione finora erano necessari due dispositivi, come sottolinea l’azienda specializzata in opere di ingegneria civile, costruzione di porti e opere speciali.

Ridurre i consumi di carburante e aumentare la produttività: sono queste le richieste attuali per le macchine operatrici. ZF, azienda tedesca specializzata in azionamenti e motori, risponde con la nuova trasmissione continua CVT. La trasmissione cPOWER a variazione continua riduce il numero di giri del motore e la rumorosità grazie a un sistema a velocità costante. Secondo quanto comunicato dalla stessa ZF, la trasmissione idrostatica di distribuzione offre una significativa riduzione dei consumi nelle applicazioni fuoristrada rispetto ai sistemi idrodinamici e idrostatici puri. Nel ciclo di lavoro tipico di una macchina operatrice, nel riempimento della benna, nel tragitto di trasporto o nella fase di carico, il livello di potenza nel percorso idrostatico viene mantenuto costantemente basso, consentendo di raggiungere un grado di efficienza superiore.
Fin dalle fasi iniziali la maggior parte della potenza dell’azionamento viene trasmessa attraverso la parte meccanica dell’unità, cosicché anche in presenza di giochi molto stretti si ottengono sostanziali riduzioni dei consumi di carburante.

Con la nuova serie di riduttori GFW 5000, Bosch Rexroth, specializzata in azionamenti e motion control, offre una soluzione particolarmente compatta per argani e verricelli. La modularità della gamma abbraccia tutti i rapporti di riduzione specifici per le applicazioni su argani e i relativi motori a velocità variabile e costante. I motori a nove cilindri di nuova concezione migliorano secondo Bosch Rexroth le proprietà di rotazione, consentendo un posizionamento preciso dei carichi a basse velocità delle funi. La produttività nel lavoro quotidiano è aumentata grazie alla possibilità di azionare velocemente la fune anche con carichi pesanti. Secondo la casa produttrice, la nuova famiglia si presta ad applicazioni su gru mobili e cingolate e su gru specifiche per ferrovie, navi, porti e container.