Tecnologia di controllo per sistemi ferroviari, automotive e medicali

17/12/2012

Contradata presenta il nuovo modulo TQMa6X sviluppato da TQ Components sfruttando la serie di processori Freescale iMX6.

Contradata S.r.l., da oltre 30 anni affermata azienda nel settore dei PC industriali e delle soluzioni embedded, presenta il nuovo modulo CPU TQMa6X sviluppato da TQ Components sfruttando la serie di processori Freescale iMX6. Si tratta di una soluzione eccellente per applicazioni quali dispositivi HMI e sistemi di controllo industriale grazie alla varietà di interfacce, al basso consumo e alle dimensioni estremamente ridotte di 74 x 54 mm. TQMa6X offre supporto per display con risoluzioni fino a Full HD. La connessione simultanea fino a 4 display e la possibilità di rappresentare contenuti differenti sono ulteriori caratteristiche chiave di questo nuovo modulo, che risulta perfetto in applicazioni Multi-Touch e Multi-Display così come nelle applicazioni di puro controllo. I 360 pin di connessione alla baseboard offrono all’utente un set d’interfacce estremamente ricco che include Gigabit Ethernet, USB Host / USB OTG, 3 linee UART e 2 linee CAN 2.0B. Dal punto di vista della connessione LCD, l’utente può pilotare sia display paralleli che Single/Dual LVDS. Una porta HDMI può, inoltre, essere utilizzata per la connessione monitor. E’ anche possibile aggiungere funzioni usando il bus parallelo dati/indirizzi e le interfacce SDIO, SPI, I2C e PCIe.

TQMa6X viene offerto con memoria DDR3L fino a 2GB, memoria Flash NOR SPI fino a 128 Mbyte e fino a 64 GB eMMC per programmi e dati. Il modulo include, inoltre, una EEPROM, un RTC e un Real Time Clock tamponato a batteria dalla baseboard.

Tra le caratteristiche chiave del modulo va evidenziata la reperibilità di lungo periodo, fino a 15 anni. L’elevato livello di integrazione delle interfacce rende questo modulo flessibile in applicazioni quali controllo industriale, sistemi ferroviari, automotive e medicali. La scalabilità offerta dalle CPU Cortex A9 nelle versioni single, dual e quad-core consente di ottimizzare la scelta del modulo in base all’applicazione, arrivando fino alla massima potenza della versione quad-core con clock di 1.2 GHz.

Il kit di sviluppo a corredo permette all’utente di valutare immediatamente una serie di possibili scenari applicativi con estrema semplicità.

Per il modulo è disponibile un BSP Linux, sono anche previsti e in fase di adattamento i BSP per i sistemi operativi Windows Embedded Compact 7, Android, QNX e VxWorks.