L’industria delle costruzioni sfida la crisi in Cina, con l’Italia in prima fila

03/12/2012

Con circa 180.000 visitatori da 141 Paesi (+16%), 300.000 metri quadrati di superficie espositiva (+30%) e 2.718 espositori provenienti da 38 Paesi (+46%), bauma China 2012 ha battuto ogni record.

Più visitatori, più espositori, più superficie: nonostante il rallentamento del mercato e i dati di vendita in calo in tutto il mondo, la sesta edizione di bauma China, il salone internazionale di macchinari per l’industria edilizia e materiali da costruzione, veicoli e attrezzature per l’industria edilizia, ha nuovamente battuto ogni record.

Sono stati circa 180.000 (contro 155.615 nel 2010) i visitatori presenti all’edizione appena conclusa, svoltasi nel nuovo centro espositivo di Shanghai dal 27 al 30 novembre, con un incremento del 16 percento. Eugen Egetenmeir, Direttore Generale di Messe München, è molto soddisfatto: “bauma China ha superato ogni previsione. Il salone si è svolto nel momento giusto e, ancora una volta, ha dimostrato di essere l’appuntamento chiave per le aziende che vogliono entrare nel mercato cinese e asiatico in generale. Zhichao Chen, Direttore Marketing di SANY Heavy Industry, conferma il clima positivo del salone: “bauma China genera sempre un numero considerevole di ordini. Il salone persegue sempre lo stesso obiettivo insieme ai suoi espositori: crescere.”

Dopo la Cina, i primi dieci Paesi per numero di visitatori sono stati, nell’ordine, Russia, Corea, India, Malesia, Singapore, Giappone, Tailandia, Taiwan, Hong Kong e Turchia. Sam Cooper, Global Marketing Services Manager di Caterpillar: “Caterpillar è orgogliosa di essere stata fra i protagonisti di bauma China 2012. La manifestazione ci ha offerto la grande opportunità di entrare in contatto con i nostri clienti e dimostrare il nostro impegno concreto sul mercato cinese. “Siamo molto soddisfatti del numero di operatori che abbiamo incontrato e dell’interesse generato dalla nostra proposta.”

Per la prima volta, bauma China ha occupato tutti gli spazi (per un totale di 300.000 metri quadrati) del New International Expo Centre di Shanghai, con un incremento del 30 percento rispetto all’edizione del 2010. La fiera ha battuto anche il record di espositori: complessivamente hanno partecipato a bauma China 2012 2.718 espositori da 38 nazioni (nel 2010 erano stati 1.858 da 37 Paesi), con un incremento del 46 percento. Kevin L. Curtis, Presidente e CEO di Besser, spiega: “Per noi bauma China è la fiera di riferimento in Cina, perché ci garantisce la massima visibilità fra i decision-maker del settore.”

Con 1.837 espositori, la Cina è stata naturalmente il Paese più rappresentato. Ma la partecipazione di aziende internazionali ha raggiunto livelli senza precedenti. I primi cinque Paesi per numero di espositori sono stati, nell’ordine, Germania (172), Italia (122), Stati Uniti (116), Corea (67) e Giappone (49). A bauma China sono state allestite otto collettive nazionali: Austria, Germania, Finlandia, Gran Bretagna, Italia, Corea, Spagna, Stati Uniti e, per la prima volta, una collettiva di espositori di Incheon City, organizzata dalla Camera di Commercio di Incheon, in Corea.

La prossima edizione di bauma China si svolgerà a Shanghai dal 25 al 28 novembre 2014.

Per maggiori informazioni, fotografie e immagini di bauma China 2012, visitate il sito www.bauma-china.com