Heathrow: inaugurata la grande scultura realizzata con 3DEXPERIENCE di Dassault Systèmes

17/06/2014

Nel nuovo Terminal 2 di Heathrow inaugurata la grande scultura  realizzata con 3DEXPERIENCE di Dassault Systèmes: la stessa tecnologia utilizzata per sviluppare i Boeing e gli Airbus.

All’inizio di giugno è stato inaugurato il nuovo terminal passeggeri dell’aeroporto londinese di Heathrow. Nel Terminal 2 è stata installata una delle più grandi sculture permanenti d’Europa. Slipstream, realizzata dall’artista inglese Richard Wilson, membro della Royal Academy of Arts, misura 78 metri di lunghezza ed è stata realizzata con la tecnologia 3DEXPERIENCE di Dassault Systèmes, la stessa impiegata per la progettazione, lo sviluppo e la costruzione degli aerei Boeing e Airbus sui quali viaggeranno molti dei 20 milioni di passeggeri che ogni anno transiteranno dal nuovo terminal di Heathrow.

Collocata fra due passaggi sopraelevati e sostenuta da 4 pilastri sottili posizionati a intervalli di 18 metri, la scultura dal peso di 77 tonnellate è una raffigurazione del volo e dell’aerodinamica. L’opera è composta da 30.000 pezzi unici e oltre 300.000 rivetti. Tutte le parti sono state modellate digitalmente con la tecnologia 3DEXPERIENCE, grazie alla quale l’artista è riuscito a preservare l’intento progettuale lungo tutta la fase di sviluppo di Slipstream. Grazie al software di Dassault Systèmes, tutti i problemi tecnici di integrità strutturale, precisione degli accoppiamenti in fase di montaggio, allineamento e baricentro sono stati analizzati e risolti a livello digitale prima di passare alla produzione vera e propria delle 23 sezioni che formano l’opera.

In un’intervista al quotidiano inglese The Guardian, Wilson ha dichiarato di non amare gli aeroporti. “Possono essere luoghi incredibilmente noiosi, solitamente non c’è nulla da fare se non ciondolare in giro guardando cravatte.” L’artista ha pensato quindi di vivacizzare un po’ l’ambiente, cercando di sorprendere e stupire i passeggeri con questa forma che esprime la velocità e l’accelerazione del volo. “Ed è anche l’opera più costosa che abbia mai realizzato,” ha aggiunto. Slipstream è stata interamente finanziata con fondi privati ed è costata complessivamente 2,5 milioni di sterline.

Le case aeronautiche utilizzano gli stessi software di progettazione e simulazione 3D di Dassault Systèmes per definire, comunicare, collaborare e prevedere le prestazioni future dei loro progetti. Come per Slipstream, anche i loro prodotti possono quindi essere ottimizzati prima che vengano costruiti, assicurando il miglior risultato possibile.

Per maggiori informazioni sulla tecnologia 3DEXPERIENCE di Dassault Systèmes:
http://www.3ds.com//