BAU 2019 si presenta in formato XXL

02/02/2018

Con la costruzione dei nuovi padiglioni C5 e C6, l’area espositiva a disposizione di Messe München, società organizzatrice di BAU, sale a circa 200.000 m²

BAU torna dal 14 al 19 gennaio 2019 in formato XXL. Con la costruzione dei nuovi padiglioni C5 e C6, l’area espositiva a disposizione di Messe München, società organizzatrice di BAU, sale a circa 200.000 m². Il salone occuperà tutti i 18 padiglioni e sarà quindi più grande che mai. Per la prima volta l’offerta merceologica trasversale a tutti i comparti comprenderà la nuova area espositiva dedicata a illuminazione ed edifici intelligenti.

L’ampliamento della superficie espositiva era un passo molto importante per BAU, come sottolinea il Dott. Reinhard Pfeiffer, Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione di Messe München: “Innanzitutto potremo soddisfare una parte delle richieste di incremento della superficie degli espositori. In secondo luogo potremo accorciare la lista d’attesa in alcuni settori espositivi; il terzo vantaggio, forse il più importante, è l’integrazione di due nuovi comparti orientati al futuro, cioè la luce e gli edifici intelligenti.

Nonostante la maggiore disponibilità di superficie, gli spazi ancora liberi sono quasi esauriti quando manca ancora un anno all’appuntamento. “La corsa per entrare al BAU è più combattuta che mai,” conferma Markus Sporer, vicedirettore del salone. “L’assegnazione degli spazi è in pieno svolgimento. In molti settori e in 15 dei 18 padiglioni abbiamo praticamente raggiunto il tutto esaurito, tranne alcuni piccoli spazi residui. C’è ancora qualche disponibilità nei settori BAU IT, nell’area di cancelli e sistemi per parcheggi e per l’illuminazione architettonica e artistica.

Una cosa è chiara: quando la fiera aprirà i cancelli il 14 gennaio 2019, i 18 padiglioni saranno occupati fino all’ultimo metro quadrato, stabilendo l’ennesimo record di superficie ed espositori. Sono attesi circa 2.200 espositori da almeno 45 Paesi. Sul fronte dei visitatori ci sono buone probabilità di superare la soglia delle 250.000 presenze. Di questi, circa un terzo dovrebbe giungere dall’estero, secondo gli obiettivi fissati dai responsabili della manifestazione.

I due nuovi padiglioni C5 e C6 porteranno ad alcune modifiche nella suddivisione delle aree espositive. L’area dedicata al vetro, finora ospitata nel padiglione C2, sarà spostata nel C3. BAU-IT, la più grande rassegna europea di software per l’edilizia, trasloca dal padiglione C3 al nuovo C5. Nel padiglione C2 ci sarà la nuova area espositiva Illuminazione/Edifici intelligenti, con sistemi di protezione solare, sistemi di conduzione della luce naturale, lucernari, illuminazione artificia-le, building automation e ascensori/montacarichi.

L’integrazione del tema Illuminazione è un passo logico, secondo il direttore del salone Mirko Arend: “L’illuminazione ha un ruolo sempre più importante nel pro-getto complessivo di un edificio. La nostra area espositiva unirà il tema dell’illuminazione con quello dell’automazione degli edifici, presentando soluzioni per la condizione e il controllo della luce e contrapponendo l’illuminazione naturale a quella artificiale. Questa nuova area fungerà anche da raccordo fra alcuni settori espositivi già presenti, come sistemi per facciate, finestre, porte e tecnica energetica.

I preparativi per BAU 2019 procedono a pieno ritmo. Tematiche principali, forum, mostre speciali, programma collaterale… “stiamo dialogando con tutti i nostri partner e siamo a buon punto con i lavoro,conclude Mirko Arend.